Riparto finanziamenti per soddisfacimento esigenze abitative

Regione Lazio

Oggetto: Sostegno abitativo

Determinazione 20 dicembre 2013, n. G05811

Riparto a favore di Roma Capitale e dei Comuni capofila dei distretti socio assistenziali del finanziamento complessivo di 16.500.000,00 euro per gli interventi finalizzati al soddisfacimento di esigenze abitative.

 

Nelle premesse alla delibera vengono indicati gli ambiti in cui è possibile l'erogazione delle somme stanziate, indicati in:

  • integrazione parziale o totale del canone di locazione, previsto da regolare contratto;
  • ospitalità temporanea, in situazioni contingenti non prevedibili e non risolvibili diversamente, per una durata definitiva ed evitando che l'intervento assuma dimensioni massive.

In base a quanto considerato si decide quanto segue:

  1. di ripartire secondo i criteri consolidati del 90% riferito alla popolazione e del 10% riferito alla estensione territoriale, con arrotondamento dei decimali, in favore di Roma Capitale e dei Comuni capofila dei distretti socio assistenziali, il finanziamento destinato alla realizzazione di interventi per il contrasto del disagio abitativo, pari a € 16.500.000,00 come dalla tabella che segue.

DISTRETTO

COMUNE CAPOFILA

KM Q

ABITANTI

RIPARTO

RIPARTO

TOTALI

       

POPOLAZIONE

TERRITORIO

 

FR A

Alatri

664

       90.391

             244.955

           63.828

307.882

FR B

Frosinone

886

     183.086

             494.330

           85.167

       579.498

FR C

Consorzio Aipes

795

     103.022

             278.158

           76.420

       354.578

FR D

Consorzio Cassinate

884

     115.803

             312.667

           84.975

       397.642

APRILIA -

Aprilia

425

     114.692

          308.667

           40.853

     350.521

CISTERNA

           

FONDI -

Fondi

478

     104.442

             281.992

           45.948

     327.940

TERRACINA

           

FORMIA -

Formia

355

     105.089

             283.739

           34.125

     317.864

GAETA

           

LATINA

Latina

610

     163.674

             441.918

           58.637

     500.555

MONTI LEPINI

Priverno

380

       56.990

             153.872

           36.528

     190.400

RI/1

Rieti

971

      74.631

             201.503

           93.338

     294.841

RI/2

Poggio Mirteto

413

       33.387

               90.145

           39.700

     129.845

RI/3

Unione Alta Sabina

276

       26.585

               71.779

           26.531

     98.310

RI/4

Com. Mont. Salto

503

       10.100

               27.270

           48.351

       75.621

 

Cicolano

         

RI/5

Com. Montana Velino

581

       10.206

               27.556

           55.849

       83.405

F/1

Civitavecchia

381

       77.995

             210.586

           36.624

     247.210

F/2

Cerveteri

160

       72.484

             195.706

           15.380

     211.086

F/3

Bracciano

317

       53.575

             144.652

           30.472

     175.124

F/4

Formello

456

     101.701

             274.592

           43.833

     318.425

FIUMICINO

Fiumicino

213

       67.645

             182.641

           20.475

     203.116

G/1

Monterotondo

85

       90.805

          245.173

             8.171

     253.343

G/2

Guidonia Montecelio

313

     118.275

             319.341

           30.087

     349.429

G/3

Tivoli

367

       80.115

             216.310

           35.278

     251.588

G/4

Olevano Romano

453

       34.036

               91.897

           43.545

     135.442

G/5

San Vito Romano

234

       78.347

             211.536

           22.493

     234.029

G/6

Carpineto Romano

355

       74.832

             202.046

         34.125

     236.170

H/1

Monteporzio Catone

144

       90.137

             243.369

           13.842

     257.211

H/2

Ariccia

126

       104.154

             281.215

           12.112

     293.327

H/3

Ciampino

37

         75.538

            203.952

             3.557

     207.508

H/4

Ardea

158

       100.986

             272.661

           15.188

     287.849

H/5

Velletri

140

         65.151

             175.907

           13.458

     189.365

H/6

Anzio

114

      95.211

             257.069

           10.958

     268.027

VT/1

Montefiascone

959

         55.244

             149.158

           92.185

     241.343

VT/2

Tarquinia

986

         44.788

             120.927

           94.780

     215.707

VT/3

Viterbo

681

         92.801

             250.562

           65.462

     316.023

VT/4

Vetralla

587

         62.805

             169.573

           56.426

     225.999

VT/5

Nepi

393

         57.036

             153.997

           37.777

     191.774

ROMA

Roma

1285

2.614.263

           7.058.482

         123.521

   7.182.003

TOTALI

 

17165

5.500.022

         14.850.000

       1.650.000

16.500.000

  1. di impegnare e liquidare, ad esecutività del presente atto, in favore di Roma Capitale e dei Comuni capofila dei distretti socio assistenziali di cui sopra, la somma a fianco di ciascuno indicata nella tabella, per un impegno complessivo di spesa di 16.500.000,00 euro, da gravare per l'esercizio finanziario 2013.
  2. di ribadire che Roma Capitale e i Comuni capofila dei distretti socio assistenziali, devono elaborare con le procedure in uso per i Piani di zona, un "Piano di intervento per il sostegno abitativo" che contempli, prioritariamente, l'integrazione parziale o totale del canone di locazione, previsto da regolare contratto e l'ospitalità temporanea, in simulazioni contingenti non prevedibili e non risolvibili diversamente, per una durata definita ed evitando che l'intervento assuma dimensioni massive.
  3. di stabilire la data del 31 marzo 2014 come termine di presentazione alla Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomia, Sicurezza e Sport dei Piani distrettuali di intervento per il sostegno abitativo, di cui è parte integrante l'analisi puntuale del bisogno abitativo e della diffusione, unitamente al regolamento adottato, disciplinante le modalità e le priorità di accesso agli interventi inseriti nel Piano, che preveda percorsi di presa in carico con precedenza per:
  • i casi di specifica fragilità nella quale si trovano le persone anziane e/o non autosufficienti con redditi minimi;
  • le situazioni caratterizzate dall'estrema urgenza;
  • il maggior bisogno socio economico, ed in particolare per le famiglie che dispongono di reddito ISEE inferiore al valore del canone e che trovandosi, quindi, nell'impossibilità oggettiva di pagare l'affitto dell'alloggio incorrono in situazione di "morosità incolpevole" e nell'avvio di procedure esecutive di rilascio;
  • per i casi soggetti al più alto rischio di emarginazione;

5.   di ribadire che i Piani di intervento per il sostegno abitativo costituiscono uno degli strumenti della programmazione territoriale attraverso i quali attuare, a livello distrettuale, misure rivolte ad un bisogno specifico ed integrative della rete locale di servizi ed interventi essenziali quindi, nel piano dovrà essere evidenziata la coerenza con tutti gli altri interventi a carattere distrettuale a valere sulle risorse trasferite dalla regione agli stessi e con quelli attraverso altri canali di finanziamento da indicare;

6.   di richiedere ai soggetti incaricati della predisposizione dei Piani di intervento per il sostegno abitativo, di conformarsi alle procedure in atto per la programmazione distrettuale e, quindi, alle linee guida che verranno definite, per l'anno 2014, per gli ambiti territoriali individuati per la redazione dei Piani di zona;

7.   di richiedere per la rendicontazione del contributo regionale destinato alla realizzazione di interventi a livello distrettuale per il sostegno abitativo, le stesse modalità previste per i Piani di zona attraverso l'utilizzo della procedura informatica.

Console Debug Joomla!